La corretta compilazione del modello 730/2009 per coloro che hanno percepito compensi di lavoro straordinario deve passare dalla compilazione del rigo C5.
La compilazione del rigo è obbligatoria essenzialmente per coloro i cui straordinari sono stati tassati dal datore di lavoro ad imposta sostitutiva per un importo superiore a euro 3000. E' facolativa invece per coloro che ritengono più vantaggiosa la tassazione ordinaria e/o sostitutiva rispetto alla tassazione prescelta dal datore di lavoro.
Nel dettaglio le istruzioni riportano quanto segue:

 

Il rigo C5 interessa solo i lavoratori dipendenti del settore privato, titolari di contratto di lavoro subordinato a tempo determinato o indeterminato che con riferimento al periodo compreso tra il 1° luglio e il 31 dicembre 2008 hanno percepito compensi per prestazioni di lavoro straordinario o supplementare ovvero per incrementi di produttività e il datore di lavoro ha assoggettato tali compensi ad imposta sostitutiva del 10%, entro i limiti di euro 3.000, (punti 77 e 78 del CUD 2009 compilati) ovvero ha assoggettato gli stessi a tassazione ordinaria (punti 77 e 80 del CUD 2009 compilati).
In quest’ultimo caso il sostituto non ha applicato la tassazione agevolata a seguito di espressa richiesta da parte del lavoratore oppure perché ha verificato che la tassazione ordinaria è più favorevole.
La compilazione di questo rigo C5 può essere obbligatoria o facoltativa a seconda delle particolari situazioni in cui si trova il lavoratore dipendente.

COMPILAZIONE OBBLIGATORIA
La compilazione del presente rigo è obbligatoria in presenza di una delle seguenti condizioni:

1) avere percepito i suddetti compensi da più datori di lavoro e, quindi, essere in possesso di più CUD 2009 non conguagliati, nei quali in tutti o in parte risulta compilato oltre al punto 77 (“Totale redditi”) anche il punto 78 (“Totale ritenute operate”) e la somma degli importi dei punti 77 (compensi assoggettati ad imposta sostitutiva) risulta superiore a euro 3.000.
In questo caso più datori di lavoro hanno assoggettato i compensi corrisposti per lavoro straordinario ad imposta sostitutiva e il lavoratore ha fruito della tassazione agevolata su un ammontare di compensi complessivamente percepiti eccedenti il limite di euro 3.000;
2) avere percepito i suddetti compensi da un solo datore di lavoro e, quindi, essere in possesso di un solo CUD 2009 nel quale risulta compilato oltre al punto 77 (“Totale redditi”) anche il punto 78 (“Totale ritenute operate”) e l’importo indicato al punto 77 risulta superiore a euro 3.000. In questo caso il datore di lavoro ha assoggettato i compensi corrisposti per lavoro straordinario ad imposta sostitutiva su un ammontare di compensi eccedenti il limite di euro 3.000;
3) avere percepito i suddetti compensi da uno o più datori di lavoro e, quindi, essere in possesso di uno o più CUD 2009, nei quali in tutti o in parte risulta compilato sia il punto 77 che il punto 78 (anche se la somma degli importi presenti nel punto 77 non è superiore a euro 3000) ma il datore di lavoro ha assoggettato detti compensi ad imposta sostitutiva in mancanza dei requisiti previsti.
L’ipotesi è quella in cui il lavoratore nell’anno 2007 aveva percepito un reddito di lavoro dipendente superiore a euro 30.000 e, pertanto, non era nelle condizioni per fruire della tassazione agevolata. In tal caso il lavoratore dovrà chiedere la tassazione ordinaria dei compensi ricevuti.
In presenza di uno dei sopraelencati casi il contribuente per compilare questo rigo C5 dovrà:
• indicare nella colonna 2 l’importo risultante dal punto 77 del CUD 2009 ovvero, in presenza di più CUD, la somma degli importi indicati nei punti 77 dei CUD 2009 nei quali risulta anche compilato il punto 78;
• indicare nella colonna 3 l’importo risultante dal punto 78 del CUD 2009 ovvero, in presenza di più CUD, la somma degli importi indicati nei punti 78 dei CUD 2009;
• barrare la casella di colonna 4, “Tassazione ordinaria”, se si trova nel caso di cui al precedente punto 3 (contribuente che non ha le condizioni per fruire dell’imposta sostitutiva e, pertanto, ha indebitamente goduto dell’agevolazione);
ATTENZIONE La compilazione della casella di colonna 1 è obbligatoria e, pertanto, il contribuente deve indicarvi uno dei predetti codici.
• barrare la casella di colonna 5, “Tassazione sostitutiva”, se si trova nei casi di cui ai precedenti punti 1 e 2 (contribuente che intende confermare la tassazione con imposta sostitutiva)
La compilazione delle colonne 4 e 5 è alternativa e, pertanto, non è possibile barrare entrambe le caselle.

COMPILAZIONE FACOLTATIVA

I lavoratori dipendenti che hanno percepito i sopraindicati compensi di lavoro straordinario, pur non essendo obbligati alla compilazione del rigo, hanno la facoltà di optare per una modalità di tassazione differente da quella applicata dal sostituto d’imposta se ritengono quest’ultima meno vantaggiosa.
In particolare la compilazione del presente rigo è facoltativa in presenza di una delle seguenti due condizioni:
1) avere interesse ad assoggettare a tassazione ordinaria i compensi percepiti per lavoro straordinario ai quali il datore di lavoro ha applicato l’imposta sostitutiva (punti 77 e 78 del o dei CUD 2009 compilati). In tal caso il soggetto che presta l’assistenza fiscale farà concorrere alla formazione del reddito complessivo i suddetti compensi considerando le imposte sostitutive trattenute quali ritenute IRPEF a titolo d’acconto;
2) avere interesse ad assoggettare a tassazione sostitutiva i compensi percepiti per lavoro straordinario che il datore di lavoro ha assoggettato a tassazione ordinaria (punti 77 e 80 del o dei CUD 2009 compilati).
Condizione necessaria per esercitare tale opzione è quella di aver percepito nell’anno 2007 un reddito di lavoro dipendente non superiore a euro 30.000. In tal caso il soggetto che presta l’assistenza fiscale dedurrà dal reddito complessivo i suddetti compensi (entro il limite massimo di euro 3.000) e calcolerà sugli stessi l’imposta sostitutiva del 10%.
In entrambi i casi compilare il rigo C5 nel seguente modo:
• indicare nella colonna 1 l’importo risultante dal punto 77 del CUD 2009 nel quale risulta compilato anche il punto 80; ovvero, in presenza di più CUD, la somma degli importi indicati nei punti 77 dei CUD 2009 nei quali risulta compilato anche il punto 80;
• indicare nella colonna 2 l’importo risultante dal punto 77 del CUD 2009 nel quale risulta compilato anche il punto 78 ovvero, in presenza di più CUD, la somma degli importi indicati nei punti 77 dei CUD 2009 nei quali risulta anche compilato il punto 78;
• indicare nella colonna 3 l’importo risultante dal punto 78 del CUD 2009 ovvero, in presenza di più CUD, la somma degli importi indicati nei punti 78 dei CUD 2009;
• barrare la casella di colonna 4 “Tassazione ordinaria” se si intende optare per la tassazione ordinaria (condizione di cui al punto 1) ovvero barrare la casella di colonna 5 “Tassazione sostitutiva” se si intende optare per la tassazione dei compensi ad imposta sostitutiva (condizione di cui al punto 2).

Una volta a settimana solo informazioni utili

Informati per vincere il fisco

Benvenuto!