Vorrei aprire partita iva? Qual è la formula fiscale giusta?

Salve vorrei aprire una ditta per ….., attualmente sono dipendente e per ora non vorrei licenziarmi, quale potrebbe essere una formula fiscale giusta?

La giusta formula fiscale uguale per tutti non esiste. Ciascun imprenditore trova la propria corretta collocazione a seconda delle ipotesi e degli scenari che immagina per la propria azienda. nel proseguio dell’attività di impresa potrà poi procedere a rivedere le proprie scelte se non sono più adeguate alle ipotesi di partenza.

Vediamo quindi di rispondere al suo quesito ipotizzando due scenari differenti, ovvero prendiamo 4 affermazioni che ritiene possano essere vere e che rapprensentano sia dati di fatto che ipotesi future di sviluppo dell’azienda. Vediamo 4 affermazioni semplificate del nostro modello scenari, compreso in Consulenza Avvio Business)

1) per avviare l”impresa di pulizie intende avvalersi di tanti collaboratori (dipendenti, occasionali, etc.)

2) vuole ridurre al minimo il rischio che i suoi beni e proprietà possano essere attaccate da debitori e stato

3) Vuole svolgere l’attività in società

4) Il suo progetto nell’arco di due anni possa raggiungere i 100.000 euro di utili.

5) Ho una forte esperienza nel settore nel quale intendo avviare la nuova attività.

Se le affermazioni 1,2,3,4,5 sopra delineate sono per la maggior parte vere la soluzione migliore sotto il profilo gestionale potrebbe essere una Società a responsabilità limitata .La S.r.l. applica un regime fiscale ordinario ovvvero imposte al 24%. In sintesi una S.r.l. può essere lo strumento idoneo a realizzare i suoi obiettivi imprenditoriali viste queste 5 ipotesi. Le imposte sono proporzionali al reddito quindi non c’è una soglia sopra la quale si paga molto di più o molto di meno almeno per una S.r.l.

Proviamo a vedere invece uno scenario differente, ovvero vediamo 5 affermazioni differenti di partenza e quale potrebbe essere quindi la risposta da dare.

1) Non mi avvalgo di collaboratori o dipendenti, farà tutto da solo nel tempo libero;

2) Svolgo l’attività da solo come ditta individuale

3) Pensa che l’utile netto che potrà portare a casa sarà contenuto e comunque non riuscirà a fatturare più di 65.000 euro in un anno;

4) l’attuale reddito da lavoro dipendente è inferiore a 30.000 euro.

Se la maggior parte delle ipotesi delineate sopra sono vere allora  potrebbe avviare una ditta individuale. Il regime fiscale applicabile, se i punti 3 e 4 sono veri è il forfetario.