In ipotesi “di fatture di acquisto che l’amministrazione [ritiene] relative a operazioni inesistenti all’esito di indagini sul soggetto fornitore […] – secondo il più consapevole orientamento di questa Corte – grava previamente sull’amministrazione l’onere di fornire elementi di prova a sostegno dell’affermazione che le operazioni, oggetto delle esposte fatture, in realtà non sono state mai poste in essere.
Solo ove l’amministrazione fornisca validi elementi per una tale affermazione, ai sensi del D.P.R. n. 633 del 1972, art. 54, comma 2, passa sul contribuente l’onere di dimostrare l’effettiva esistenza delle operazioni contestate” (C.Cass. sent. 6943 del 25 marzo 2011).
Diego Conte- d.conte@tlexstudio.com
TAX & LEX – www.tlexstudio.com