A ridosso delle scadenze capita di accorgersi che non si è provveduto in tempo al versamento di una imposta, in tal caso il ravvedimento operoso può esserci utile.

Il ravvedimento operoso, consente al contribuente di regolarizzare una violazione di una adempimento fiscale prima che la violazione gli venga contestata dall'amministrazione finanziaria.  A fronte della spontanea regolarizzazione del contribuente, l'importo delle sanzioni viene ridotto.

Si veda l'articolo sulla riduzione delle sanzioni introdotte con il D.L. 185/2008 "ravvedimento sanzioni e interessi" del 16/12/2008

L'omesso o insufficiente pagamento dei tributi può essere regolarizzato eseguendo spontaneamente il pagamento dell'importo dovuto, degli interessi moratori (calcolati al tasso legale annuo dal giorno in cui il versamento avrebbe dovuto essere effettuato a quello in cui viene effettivamente eseguito) e della sanzione in misura ridotta. I principali tributi che possono essere regolarizzati sono:

– le imposte dovute a titolo di acconto o di saldo in base alla dichiarazione dei redditi;

– le ritenute alla fonte operate dal sostituto di imposta;

– l'imposta sul valore aggiunto;

– l'imposta di registro (nelle locazioni quella dovuta per le annualità successive alla prima);

– l'imposta ipotecaria;

– l'imposta catastale;

– l'imposta comunale sugli immobili.

La prevista sanzione del 30 per cento viene ridotta: – ad 1/8, ossia al 3,75 per cento, se il pagamento viene eseguito entro 30 giorni dalla scadenza prescritta; – ad 1/5, ossia al 6 per cento, se il pagamento viene effettuato con ritardo superiore ai 30 giorni, ma entro un anno dalla violazione.

Si può usufruire del ravvedimento operoso entro il termine  previsto per la presentazione della dichiarazione relativa all'anno in cui è stata commessa la violazione. Ad esempio:

mancato versamento secondo acconto irpef con scadenza 30 novembre 2007

ipotizzando che il termine per presentare la dichiarazione dei redditi per l'anno 2007 (anno in cui la violazione è stata commessa) è fissato al 31 ottobre 2008.

Il termine ultimo per "ravvedersi" sarà il 31 ottobre 2007.