Deducibilità dell'auto

Tratto da Instragram daimler_ag

La deducibilità dell’auto, in particolare van fino a 8 posti, nuovamente al centro di una interrogazione parlamentare di agosto 2016.

In particolare l’interrogazione parlamentare chiedeva chiarimenti riguardo la deducibilità del costo di acquisto e delle spese di manutenzione di navette da parte degli hotel. Il quesito chiedeva chiarimenti sia sotto il profilo dell’IVA che delle Imposte Dirette.

Deducibilità dell’auto: IVA

La risposta all’interrogazione parlamentare ha ribadito quanto segue: la detraibilità dell’IVA per l’acquisto dell’automezzo è possibile anche al 100% qualora i detti veicoli siano utilizzati esclusivamente nell’esercizio dell’impresa, arte o professione. Il contribuente però deve prepararsi a fornire prova dell’utilizzo esclusivo del bene nell’esercizio della propria attività.

La deduzione iva per gli automezzi a uso promiscuo

Se un bene quindi non viene utilizzato esclusivamente per l’esercizio dell’attività la detrazione dell’iva è limitata al 40% dell’imposta pagata.

Deduci l’iva al 100% se dimostri di utilizzare l’auto SOLO ed ESCLUSIVAMENTE per l’attività dell’IMPRESA

Deducibilità dell’auto: Imposte dirette

Per quanto riguarda la deducibilità del costo di acquisto il testo unico delle imposte sui redditi stabilisce la detraibilità integrale del costo a patto che il bene possa definirsi strumentale allo svolgimento dell’attività. E’ un  “bene strumentale” secondo l’agenzia delle entrate solo un bene SENZA il quale non è possibile svolgere la propria attività economica. E’ pacificamente strumentale l’auto per una società di noleggio auto. La navetta per accompagnare i clienti dell’hotel invece non è considerato strumentale dall’agenzia delle entrate. Allo stesso modo non è considerato bene strumentale la vettura di cortesia messa a disposizione per i clienti dell’officina.

Deducibilità del costo in caso di bene NON strumentale

Se il bene non è considerabile come strumentale ecco che la deducibilità del costo si riduce al  20%. Inoltre il costo massimo di acquisto su cui applicare il 20% si ferma a euro 18.075,99. Tale trattamento si applica a tutti gli oneri e le spese inerenti agli automezzi in parola.

Definizione di auto soggette alle norme

E’ bene precisare che la definizione di automezzo alla quale si applicano le norme sopra esposte è la seguente: ““tutti i veicoli a motore, diversi dai trattori agricoli o forestali, normalmente adibiti al trasporto stradale di persone o beni la cui massa massima autorizzata non supera 3.500 kg e il cui numero di posti a sedere, escluso quello del conducente, non è superiore a otto”.

Le regole sopra esposte non si applicano, ai motocicli di cilindrata superiore a 350 centimetri cubici,  per i quali è prevista l’indetraibilità oggettiva. Cioè tutto indetraibile ai fini iva.

Il testo dell’interrogazione parlamentare è disponibile cliccando qui.

Se vuoi contattarci per la tua consulenza fiscale o per un chiarimento scrivici qui.